statistiche sito
0

Totale € 0,00

 x 

Ultimi articoli aggiunti

  1. Il carrello è vuoto.

Acido ialuronico a basso peso molecolare nel trattamento dell'atrofia vaginale

International Journal of Clinical Medicine, 2014, 5, 617-624

ACIDO IALURONICO A BASSO PESO MOLECOLARE NEL TRATTAMENTO DELL’ATROFIA VAGINALE

Tindara La Galia1, Antonio Micali2, Domenico Puzzolo2, Francesco Cancellieri1*

1Department of Gynecological, Obstetric Sciences and Reproductive Medicine, University of Messina, Messina, Italy

2Department of Biomedical Sciences and Morphological and Functional Images, School of Medicine, University of Messina, Messina, Italy

 

 

Introduzione

La riduzione degli estrogeni in postmenopausa determina diversi cambiamenti nelle aree vulvovaginale e vescico-uretrale, con conseguente sindrome genito-urinaria della menopausa, inclusi sintomi come l'atrofia vaginale.

 

Scopo dello studio

Valutare gli effetti dell'acido ialuronico (HA) a basso peso molecolare assunto per via orale nelle donne in post-menopausa con atrofia vaginale.

 

Materiali e metodi

In questo studio prospettico, randomizzato, in doppio cieco, caso-controllo, sono state reclutate 12 donne con atrofia vaginale, divise in 2 gruppi:

·       I gruppo: 6 pazienti hanno assunto compresse di HA a basso peso molecolare per 3 mesi;

·       II gruppo: 6 pazienti hanno assunto compresse di placebo per 3 mesi.

 

Metodo di valutazione

La valutazione è stata eseguita al baseline (To) e dopo 3 mesi di trattamento.

- Alla visita To sono stati applicati i criteri di inclusione e di esclusione e sono stati raccolti i dati demografici e clinici delle pazienti.

- A To e dopo 3 mesi sono stati eseguiti: pap-test, visita ginecologica, ecografia transvaginale, biopsia vaginale e raccolta di sintomi, valutata con VAS scale.

 

Risultati

 

Le biopsie del gruppo trattato con HA hanno mostrato un epitelio più spesso e una lamina propria più densa rispetto al gruppo placebo.

L’analisi morfometrica ha mostrato differenze significative tra HA e placebo nel numero di strati epiteliali e nello spessore.

La valutazione dei sintomi (prurito, bruciore, dispareunia e secchezza vaginale) ha mostrato anche un effettivo miglioramento nelle pazienti trattati con HA, rispetto al basale e al gruppo placebo.

 

Conclusioni

L’acido ialuronico a bassissimo peso molecolare migliora tutti i sintomi associati all’atrofia vaginale, inclusa la secchezza vaginale, nelle donne in post-menopausa.

Inoltre, esercita un’azione sulla mucosa vaginale, contrastando i processi infiammatori e migliorando la struttura dell'epitelio vaginale.


Scarica il documento in formato PDF.